Proteggere i capelli in spiaggia: alcuni i segreti per mantenerli belli e lucenti

A quali stress sottoponiamo i nostri capelli, durante una vacanza? Sole, pioggia, salsedine e chi più ne ha più ne metta! Noi ci rilassiamo, ma non si può dire la stessa cosa per la chioma che – durante l’inverno – curiamo con prodotti costosi e tante attenzioni.

Il problema più frequente d’estate è che i capelli si inaridiscano. Le aggressioni esterne e ripetute potrebbero danneggiarli e renderli ribelli, difficili da districare e facili da spezzare. Per non parlare delle drammatiche doppie punte!

Innanzitutto, evitate di trattarli prima di viaggiare: tinte, decolorazioni, permanenti o piastra compulsiva sono fattori determinanti che danneggiano le vostre chiome. Lasciateli liberi di respirare e ricostruirsi, in modo da approcciare spiaggia e salsedine con qualche risorsa in più. Se proprio non potete farne a meno e la temuta ricrescita incombe, optate per un hennè o una tinta naturale.

Non disdegnate maschere idratanti (da applicare mezzora prima della doccia) o balsami curativi, facendo ben attenzione al vostro tipo di capello per nutrirlo nella giusta misura.

In spiaggia, indossate un foulard o un cappello di paglia (quest’anno vanno un sacco!) e la sera nutriteli con un olio protettivo: perfetti e naturalissimi gli olii d’argan, di germe di grano, semi di lino, burro di karité o gel aloe. L’Aloe è perfetto anche per la pelle arrossata o affaticata, un prodotto tuttofare che non deve mancare nella vostra bag estiva!

Ultimo consiglio: niente phon! Pettinateli con amore sotto il sole della sera, e godetevi il caldo che li asciuga in maniera naturale e sicura. Amare i nostri capelli, a volte, sigifica anche avere qualche capello fuori posto!